Università Popolare del Counselling
U.P. Aspic
Professione Etica Deontologia
Definizione di Counseling
La REICO propone, con il suo Codice Etico e Regolamento di Discplina, la seguente definizione di Counseling:

Finalità del counseling è quella di promuovere il benessere psico-fisico e socio-ambientale degli individui, dei gruppi e della comunità, nel rispetto della dignità, dell’autonomia delle persone, senza discriminazione di età, di genere e orientamento sessuale, di razza, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia, quali che siano le condizioni istituzionali e sociali nelle quali il counselor lavora.
Il counselor, nel rispetto dell’autonomia del cliente, lavora per strutturare una relazione professionale, che gli consenta di offrire alla persona un aiuto finalizzato al benessere di quest’ultima, consapevole costantemente del contesto e delle implicazioni del ruolo.
Il counselor ha cura di verificare il permanere tra lui ed i suoi clienti della reciproca fiducia, fondamento della relazione di counseling; ha cura delle proprie condizioni psicofisiche, consapevole di quanto possano influenzare la qualità delle sue prestazioni.
Il counselor pone particolare attenzione affinché nella relazione professionale non interferiscano principi e valori personali, né valori od interessi di altre persone a qualsiasi titolo implicate nella relazione.

Doveri ed Obblighi del Counselor
Tra i Principi Generali il Codice definisce, per il Counselor:

il Dovere di diligenza,
il Dovere di segretezza e riservatezza,
il Dovere di competenza,
l'Obbligo di formazione permanente.
Rapporto con il Cliente
In merito al Rapporto con il Cliente, il Codice stabilsce, tra gli altri principi, i seguenti Doveri per il Counselor:

Il counselor rispetta le opinioni ed i valori del cliente anche se non li condivide. A sua volta è libero di non collaborare verso obiettivi che contrastino con le proprie convinzioni etiche.
Il counselor adotta tutte le cautele necessarie per evitare al cliente il disagio derivante da un rifiuto o da un’interruzione del rapporto.
Il counselor deve pattuire in modo chiaro il contratto economico. Eventuali aggiornamenti dovranno essere preventivamente comunicati al cliente.
Nel caso di rapporti professionali che prevedano interventi di terzi o la presenza di altri operatori della salute, il counselor è tenuto a prendere contatto con terzi solo con il consenso del cliente.
Il counselor utilizza la relazione di counseling per l’esclusivo interesse del cliente, evitando abusi in qualsiasi campo (emotivo, sessuale, ideologico, religioso, economico, ecc.). Costituisce abuso qualsiasi uso della relazione di counseling diretto alla realizzazione di interessi diversi da quelli del cliente.
Il counselor non può intraprendere una relazione professionale di counseling con persone con cui abbia un rapporto di parentela o una relazione affettiva o sessuale.
Versione Integrale
La versione integrale del Codice Etico e Regolamento di Disciplina è disponibile sul sito web della REICO.
Condividi

[archivio] Professione Etica Deontologia
ordina per titoloordina per data
Il Counselling, o Counseling, nasce come vera e propria figura professionale negli Stati Uniti intorno agli anni ’20, come risposta a tutti coloro che, pur svolgendo un lavoro richiedente una buona conoscenza della personalità umana, non erano né psicologi né psicoterapeuti. Approda in Europa negli anni ‘30, attraverso la Gran Bretagna, sia come servizio di orientamento pedagogico che come [...]
La supervisione

La supervisione è una prestazione professionale che viene richiesta periodicamente dal Counselor a un collega supervisore o effettuata “alla pari”, che lo sostiene nella gestione della relazione d’aiuto con i propri clienti.

La Supervisione, oltre ad essere utile al Counselor per garantire una prestazione professionale adeguata tutelando così se stesso e i [...]


2016

13 novembre (Modena)

- Approcci differenziati al sogno (M. Barocchetti)
- L’importanza della supervisione nel Counseling (R. Marangio)
- Dormire bene con l’aiuto del Counseling (C. Scilletta)


19 novembre (Roma)

- Il Counseling nell’Outplacement (E. Suvieri)
- Sessualità e relazioni intime nella terza età (A. Capponi)
- Supervisione (C. Montanari)
- [...]
Criteri Standard suddivisi per Livelli

DIPLOMA COUNSELLOR PROFESSIONISTA – 1° LIVELLO (CP) - 900 ORE

REQUISITI PER L’ACCESSO AL 2° LIVELLO 950 ore
Diploma in Counseling Skills - 1° livello (Counsellor Professionista): 900 ore
Modulo di Supervisione con i Direttori dell’ASPIC (sede centrale di Roma): 50 ore


DIPLOMA COUNSELLOR PROFESSIONISTA AVANZATO – 2° [...]